Magnetoterapia 

MAGNETOTERAPIA A BASSA E ALTA FREQUENZA

La magnetoterapia consiste nella biostimolazione elettromagnetica delle cellule del corpo umano. È la variazione del campo magnetico che biostimola le cellule ristabilendo il corretto potenziale elettrico intra/extra cellulare.
Ecco perché parliamo di Campi Elettro Magnetici Pulsati (CEMP).
La magnetoterapia a bassa frequenza e alta intensità è particolarmente indicata per favorire la calcificazione ossea e trova una valida applicazione anche nella terapia del dolore e in generale nel trattamento dei tessuti molli.
Questa tecnica terapeutica aiuta la singola cellula a recuperare il suo equilibrio; perciò la sua utilità si estende a una vasta gamma di casi:

• Osteoporosi • Fratture • Lesioni cartilaginee • Cervicalgia • Distorsioni • Contratture muscolari • Dolori lombo-sacrali
• Osteonecrosi • Artrosi /Artriti • Ritardi di calcificazione • Algodistrofia • Epicondilite / Epitrocleite • Dolori muscolari
• Reumatismi 

La magnetoterapia ad alta frequenza, detta anche elettromagnetoterapia ad alta frequenza o CEMP (campi elettromagnetici pulsati), si basa sull’emissione di onde radio di frequenze comprese tra i 18 e i 900 MHz in brevi impulsi, la cui frequenza è regolabile.
L’alta frequenza e bassa intensità (misurata in milliWatt) è particolarmente indicata nella terapia del dolore ed in generale nel trattamento di patologie a carico dei tessuti molli.
Può essere utilizzata anche per i ritardi di calcificazione, ma richiede più trattamenti rispetto alla magnetoterapia a bassa frequenza.